Riflettiamo - Dott. Giuliano Franzan

Dott. Giuliano Franzan
Psicologo - Sessuologo
Vai ai contenuti

Riflettiamo

Ritornare ad essere "interi"...

Nessuno è perfetto, o sarebbe più corretto dire che ognuno di noi è perfetto così com'è, con le sue luci e le sue ombre. Il problema nasce perché noi ci vergogniamo delle nostre ombre e per questo tentiamo di nasconderle, del resto tutta l'umanità si comporta allo stesso modo. Mostriamo agli altri  ciò che vogliamo che gli altri vedano di noi, e ci guardiamo bene dal mostrare loro ciò che giudichiamo sbagliato o indegno.
Diamo al mondo un'immagine falsata di noi stessi, o, perlomeno, un'immagine parziale. Questo avviene regolarmente anche nelle relazioni intime, ed è uno dei motivi per cui, quando ci si conosce meglio, nascono i problemi.
«Quella persona mi ha deluso», «si è dimostrata una persona diversa da quella che avevo conosciuto», «non la riconosco più»: queste sono alcune delle frasi che utilizziamo per manifestare la nostra sorpresa quando scopriamo l'ombra di qualcuno, ma, dal momento che anche noi abbiamo lati in ombra, è ingenuo pensare che gli altri non li abbiano.
Finché indosseremo maschere per celare al mondo la nostra vera identità, anche le nostre relazioni non potranno essere felici.
Solo apprezzando e amando la persona nella sua interezza, le nostre relazioni potranno avere successo ed essere appaganti, ma per potere amare gli altri così come sono, dobbiamo essere prima in grado di amare noi stessi così come siamo. È infatti molto difficile accettare qualcun altro nella sua interezza, se noi per primi rifiutiamo aspetti della nostra personalità. Solo amando completamente noi stessi, potremo amare completamente un'altra persona e aver fiducia che questo rapporto duri nel tempo.
La verità è che pochissimi di noi sono in grado di amarsi davvero ed è anche questo il motivo per cui le relazioni naufragano.
Riappropriarsi di ogni parte di noi è la condizione per poter ritrovare la nostra ricchezza. Finché offriremo al mondo e a noi stessi un'immagine parziale di ciò che siamo, non potremo vivere pienamente. Dobbiamo smettere di spaccare in due la nostra natura terrena, smettere di accettare solo un aspetto di noi e rinnegare l'altro. Così facendo ci distruggeremo.
Se dentro di noi rimarremo divisi non avremo mai pace, perché l'ombra rifiutata diventerà sempre più buia e densa.

Torna ai contenuti